Commercio: Chiusure temporanee delle attività (per ferie, lavori, ecc.).

Le diverse tipologie di attività commerciali hanno differenti riferimenti normativi per la regolamentazione delle chiusure temporanee.


Strutture ricettive


Come indicato dall'art. 34 della legge Legge regionale 14 giugno 2013, n. 11 “Sviluppo e Sostenibilità del turismo veneto”

Il titolare della struttura ricettiva è tenuto a comunicare alla Regione Veneto e al Comune:

a) la chiusura temporanea della struttura per un periodo da otto giorni a sei mesi (prorogabili per ulteriori sei mesi con adeguata motivazione) in caso di evento determinato da causa di forza maggiore;
b) la chiusura temporanea della struttura per motivi preventivabili (ferie, lavori di ristrutturazione) per un periodo massimo di 180 giorni, anche non consecutivi, nello stesso anno solare.

Modalità di invio delle comunicazioni di cui sopra:
- procedura telematica da inviare allo Sportello Unico Attività Produttive- SUAP tramite il portale www.impresainungiorno.gov.it

Sanzione
In base all'art.49 della legge 11/2013 il titolare di struttura ricettiva che non rispetti i periodi di apertura comunicati o ometta la comunicazione di chiusura temporanea o definitiva è soggetto alla sanzione amministrativa da euro 1.000,00 a euro 2.000,00.

Pubblici esercizi (bar, ristoranti)

ORARI DI APERTURA DI UN ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

Gli orari degli esercizi commerciali di somministrazione di alimenti e bevande sono stati liberalizzati (art. 31 del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201, il cd. decreto “Salva Italia”), sia in termini di ore di funzionamento che di aperture domenicali e festive. I titolari hanno comunque l’obbligo di comunicare al Comune l’orario prescelto. Esso può essere continuativo o comprendere un intervallo di chiusura intermedio, può inoltre, essere differenziato per giorni della settimana e per periodo dell’anno. L’orario prescelto deve essere reso noto al pubblico con l’esposizione di un apposito cartello ben visibile anche dall’esterno durante l’orario di apertura.

L'“Ordinanza per la determinazione degli orari degli esercizi publici e delle attività di somministrazione di alimenti e bevande ed attività particolari” n° 102 del 27 maggio 2008 stabilisce che in caso di sospensione dell’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande per un periodo superiore a 30 giorni, il titolare deve darne notizia al comune almeno 5 giorni prima dell’inizio della sospensione stessa.

La suddetta comunicazione deve essere inviata allo Sportello Unico Attività Produttive- SUAP tramite il portale www.impresainungiorno.gov.it

La sospensione dell’attività per periodi inferiori ai trenta giorni, ivi incluse le frazioni di giorno, deve essere comunicata al pubblico tramite un avviso leggibile dall’esterno dell’esercizio.

Negozi

L'ordinanza comunale n°202 del 12 dicembre 2001 “Disciplina degli orari delle attività degli esercizi di vendita al dettaglio” stabilisce che in caso di chiusura temporanea (per ferie o per lavori) è necessario inviare comunicazione scritta al Comune solo per periodi superiori ai 30 giorni.

La suddetta comunicazione deve essere inviata allo Sportello Unico Attività Produttive- SUAP tramite il portale www.impresainungiorno.gov.it

La chiusura infrasettimanale (fissata il mercoledì) e quella domenicale sono facoltative.

 Acconciatori, barbieri, estetisti, tatuatori

Il “Regolamento comunale per la disciplina delle attività di barbiere, acconciatore, estetista, tatuaggio e piercing” approvato dal consiglio comunale il 25 luglio 2011 stabilisce che la sospensione dell’attività per periodi superiori al mese è comunicata al Comune.
La suddetta comunicazione deve essere inviata allo Sportello Unico Attività Produttive- SUAP tramite il portale www.impresainungiorno.gov.it

Salvo casi particolari indicati nel regolamento, il titolare non può sospendere l’attività per un periodo superiore a 180 giorni consecutivi.


Contatti
Ufficio Commercio - aperto al pubblico il lunedì, martedì e giovedì dalle 8:30 alle 12:30 presso il Municipio (piazza Betteloni 3 – Peschiera del Garda).
tel. 045 6444709 -
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Commercio: vendite straordinarie negozi

Le vendite straordinarie effettuate dai negozi, e dalle attività di commercio su aree pubbliche, sono disciplinate dalla deliberazione di Giunta regionale 28 giugno 2013, n. 1105 . E' possibile visualizzare la disciplina aggiornata delle vendite straordinarie, così come approvata con DGR 1619/2015.

In sintesi

Vendite di liquidazione
Le vendite di liquidazione sono effettuate dall'esercente al fine di esaurire in breve tempo tutte le proprie merci a seguito di cessazione di attività commerciale, cessione dell'azienda, trasferimento dell'azienda in altro locale, trasformazione o rinnovo dei locali.
Le vendite di liquidazione sono sottoposte a preventiva comunicazione da far pervenire attraverso lo Sportello Unico Attività Produttive- SUAP tramite il portale www.impresainungiorno.gov.it  almeno 7 giorni prima dell’inizio delle vendite, corredata da apposita documentazione comprovante la motivazione.

> scarica modello fac-simile di comunicazione

Le vendite di liquidazione si possono effettuare tutto l’anno, per una durata massima di sei settimane (o tredici in caso di chiusura definitiva dell'attività).

Saldi di fine stagione
I saldi di fine stagione si possono effettuare in due periodi dell'anno: dal primo giorno feriale antecedente il 6 gennaio e fino al 28 febbraio,  e dal primo sabato di luglio fino al 31 agosto di ciascun anno. Non è dovuta alcuna comunicazione al Comune.

Vendite promozionali
Le vendite promozionali possono essere effettuate liberamente durante tutto l’anno esclusi i 30 giorni precedenti l'inizio dei saldi. Non è dovuta alcuna comunicazione al Comune.

Pubblicizzazione delle vendite straordinarie
In tutti i casi la pubblicità non dovrà risultare ingannevole per il consumatore e dovrà contenere l'indicazione della durata della vendita e dell’esatto tipo di vendita straordinaria. E’ vietato l’uso della dizione “vendite fallimentari”.
Il cartellino esposto al pubblico dovrà indicare il prezzo normale di vendita, la percentuale di sconto, ed il prezzo scontato.

Contatti
Ufficio Commercio - aperto al pubblico il lunedì, martedì e giovedì dalle 8:30 alle 12:30 presso il Municipio (piazza Betteloni 3 – Peschiera del Garda).
tel. 045 6444709 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Codice IBAN

Codice IBAN del Comune di Peschiera del Garda da utilizzare per i versamenti a favore del Comune:

IT 80 C 05696 59660 000009000X13 - Banca Popolare di Sondrio - agenzia di Peschiera del Garda

Attenzione: le causali e gli importi vanno prima verificati/concordati con gli Uffici.

Commercio / SUAP / COSAP

Le attività economico-commerciali che hanno sede nel territorio comunale sono seguite dall'Ufficio Commercio/SUAP. L'ufficio si occupa anche del COSAP – Canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche.

L'ufficio commercio è chiuso al pubblico dal 24/02/2020 al 27/02/2020.
Per problemi urgenti contattare l'Ufficio Tributi - tel 0456444711/13

Contatti
Ufficio Commercio/SUAP/ COSAP - aperto al pubblico il lunedì, martedì e giovedì dalle 8:30 alle 12:30 presso il Municipio (piazza Betteloni 3 – Peschiera del Garda).
tel. 045 6444709 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 NOVITA':
DAL 01/01/2020 ATTIVO IL TARIFFARIO PER I DIRITTI DI SEGRETERIA E DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE SUAP

- dal 01/01/2020 nuve tariffe COSAP

SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE - IMPRESAINUNGIORNO.GOV.IT
Il Comune di Peschiera del Garda svolge le funzioni di Sportello Unico per Attività produttive avvalendosi del supporto della CCIAA di VERONA, nel rispetto dell'art.4, comma 10-12 del D.P.R. 160/2010.  Attraverso il portale www.impresainungiorno.gov.it è possibile consultare l'elenco dei procedimenti di competenza del SUAP, e dunque compilare, firmare e inviare una pratica per l'avvio o l'esercizio di un'attività nel territorio del Comune.

La modulistica on line del portale www.impresainungiorno.gov.it è uniformata a livello nazionale e regionale, in seguito agli accordi tra Governo, Regioni ed Enti locali e agli adeguamenti normativi della Regione Veneto.

SUAP di Peschiera del Garda: per aprire, modificare, cessare un'attività e per tutte le comunicazioni relative alle attività commerciali

Lista Procedimenti SUAP 

> Per saperne di più: Il SUAP nel portale della Regione Veneto

 

Argomenti di maggior interesse

> LOCAZIONI TURISTICHE

> IMPOSTA DI SOGGIORNO

 > SUAP - TARIFFE

> Attività musicale nei pubblici esercizi

> COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (MERCATO, ITINERANTI, HOBBISTI)

> Occupazione temporanea o permanente di suolo pubblico - COSAP 

> Vendite straordinarie (liquidazioni, saldi, promozioni)

> Chiusure temporanee delle attività (per ferie, lavori, ecc.)

> Impianti pubblicitari

>  NORMATIVA di riferimento principali attività commerciali

> TAXI e NCC

> Licenza di PESCA

> MODULISTICA

 (pagina in aggiornamento)

Archivio news


anno 2018

 - Mercato estivo 2018

- Norme sul commercio dei funghi

Commercio: su aree pubbliche (mercato, itineranti, hobbisti)

Il piano comunale del commercio su aree pubbliche vigente nel Comune di Peschiera del Garda contiene il Regolamento per lo svolgimento deò commercio nel mercato, nei posteggi isolati e nelle fiere (parte 3) e individua le aree in cui è vietato il commercio in forma itinerante (parte 2).

> Scarica il piano del commercio (2005 e successivi)

Aree del Comune di Peschiera del Garda in cui è vietato il commercio in forma itinerante

- Strada Regionale 11, lungo tutta la sua estensione ricompresa fra i confini con i Comuni di Castelnuovo del Garda ad Est e Sirmione ad Ovest.
- Via Marco Biagi.
- Via XI settembre.
- Via della Zanina, dall’intersezione con la Strada Regionale 11 per un tratto di 100 metri;
- Via Nenni, dall’intersezione con la Strada Regionale 11 per un tratto di 100 metri;
- Tutta la zona di incroci e svincoli adiacenti al Casello autostradale, (per il raggio di 200 metri dal casello medesimo).
- Lungolago Garibaldi (si intende compreso anche il tratto denominato Porto Esterno)
- Lungolago Mazzini.
- Porto Bergamini.
- Porto Fornaci.
- Tutto il centro storico, nell’area ricompresa e perimetrata dalla Piazza Betteloni, Via XXX Maggio, Piazza Ferdinando di Savoia, Lungomincio Cordigero e Riviera Carducci
- All’interno delle aree di parcheggio a pagamento (Piazzale Porto, Piazza Ferdinando di Savoia, Parcheggio Porta Brescia e Camper Service)

La "spunta" per il mercato settimanale del lunedì
Gli ambulanti itineranti in possesso di autorizzazione di tipo B (e di tipo A relativo ai mercati con sede in Veneto) possono presentare domanda per partecipare alla “spunta” ovvero all'assegnazione dei posti che nelle singole giornate di mercato si rendono liberi per assenza dei titolari.
L'assegnazione di "spunta", che si effettua nei primi minuti dopo le ore 8:00 del lunedì mattina alla presenza dell'operatore di polizia locale incaricato, ha un costo giornaliero di 50€.

Per partecipare alla “spunta” occorre essere inseriti nella apposita graduatoria stilata dal Comune in base all'anzianità di frequenza.

Per essere inseriti in graduatoria è necessario inviare all'Ufficio Commercio apposita domanda attraverso il Portale SUAP - impresainungiorno.gov.it

 

Hobbisti

Ai mercatini dell'antiquariato e del collezionismo, che si svolgono nell'ambito della Regione del Veneto, possono partecipare operatori che esercitano l’attività commerciale in modo professionale, nonché operatori che non esercitano l'attività commerciale in modo professionale e che vendono beni ai consumatori in modo del tutto sporadico e occasionale.
Gli operatori non professionali (hobbisti) possono vendere esclusivamente antiquariato, cose vecchie, cose usate, oggettistica antica, fumetti, libri, stampe, oggetti da collezione.
La partecipazione ai mercatini è subordinata al possesso di un tesserino di riconoscimento rilasciato dal Comune di residenza ovvero, per i residenti fuori Regione, dal Comune di Venezia.
Il tesserino contiene le generalità e la fotografia dell’operatore nonché sei appositi spazi per la vidimazione. Il tesserino è personale, non cedibile e deve essere esposto in modo visibile durante le operazioni di vendita; è rilasciato, previa autocertificazione della propria condizione di operatore non professionale, per non più di una volta nell’anno solare.

> modulo per rilascio tesserino hobbista
> ulteriori informazioni sull'attività di hobbista (sito Regione Veneto)

Contatti
Ufficio Commercio - aperto al pubblico il lunedì, martedì e giovedì dalle 8:30 alle 12:30 presso il Municipio (piazza Betteloni 3 – Peschiera del Garda).
tel. 045 6444709 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commercio: Attività musicale nei pubblici esercizi

Nel Comune di Peschiera del Garda le attività musicali all'interno dei pubblici esercizi sono disciplinate dal “Regolamento comunale per la disciplina delle attività musicali in pubblici esercizi, alberghi, campeggi, agriturismi, circoli privati e similari, ed altri luoghi di ritrovo non temporanei” approvato il 20 luglio del 2012.
>Scarica il regolamento

In particolare i titolari dei pubblici esercizi che intendano effettuare intrattenimento musicale nei propri locali sono tenuti a presentate all'Ufficio Commercio apposita SCIA (Segnalazione Certificata di inizio attività) in cui vanno indicati orari e tipologia dell'intrattenimento. Si segnala che è consentito effettuare intrattenimento musicale per un massimo di tre sere a settimana e che,  ai sensi del regolamento sopracitato, l'attività musicale non può protrarsi oltre le ore 24:00.

> Scarica il modulo per intrattenimento musicale: modulo

Il modulo compilato va presentato in doppia copia all'Ufficio Protocollo del Comune (piazza Betteloni, 3) che ne tratterrà una copia (per l'Ufficio Commercio) e rilascerà l'altra con timbro per il richiedente. 
In alternativa il modulo può essere inviato via PEC all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (In questo caso occorre allegare anche copia del documento di identità del richiedente).

La copia della Scia va conservata nel locale per tutto lo svolgimento dell'intrattenimento.
La mancata esibizione della SCIA può essere sanzionata, da un minimo di 258€ fino ad un max di 1549€, dalla polizia locale.

Contatti
Ufficio Commercio - aperto al pubblico il lunedì, martedì e giovedì dalle 8:30 alle 12:30 presso il Municipio (piazza Betteloni 3 – Peschiera del Garda).
tel. 045 6444709 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commercio: occupazione temporanea o permanente del suolo pubblico

Nel Comune di Peschiera del Garda l'occupazione temporanea o permanente del suolo pubblico è disciplinata dal “Regolamento comunale per l’applicazione del canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche” - (Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.62 del 24/10/2005).
> Scarica il regolamento

Per le diverse tipologie di occupazione è dovuto il pagamento del COSAP - Canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche. Gli importi differiscono per tipologia, dimensione, collocazione e durata della occupazione.  

>> new! IMPORTI COSAP DAL 01/01/2020

Ad ogni concessione di occupazione sono applicati 25,00€ di diritti di segreteria.

Le Onlus sono esenti dal pagamento del Cosap e dai diritti di segreteria.
Sono altresì esenti dal canone le occupazioni temporanee inferiori alle 6 ore per trasloco o per attività di pronto intervento, manutenzione o riparazione.

OCCUPAZIONI PERMANENTI - PLATEATICI 
Per le occupazioni permanenti delle attività commerciali che hanno sede nel centro storico di Peschiera è vigente il “Regolamento dei plateatici in centro storico” (Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.2 del 24/01/2012).  > Scarica il regolamento
Attenzione: fino al 31/03/2020 è sospesa la presentazione di nuove domande di occupazione suolo pubblico a fini commerciali - plateatici. Rif. delibera di G.M n. 220 del 16/12/2019

OCCUPAZIONI TEMPORANEE (cantieri, traslochi, ecc.)
La domanda per l'occupazione di suolo pubblico temporanea va inoltrata almeno 10 giorni lavorativi prima dall'inizio presunto dell'occupazione all'Ufficio Commercio, utilizzando la seguente modulistica, cui va allegata una marca da bollo di 16€ (salvo per occupazioni esenti):

> Modulo per la domanda di concessione temporanea 
- IMPORTANTE:  NELLA PLANIMETRIA DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DEVE ESSERE CHIARAMENTE INDIVIDUATA L'OCCUPAZIONE RICHIESTA CON INDICAZIONE DELL'ESATTA COLLOCAZIONE DELL'INGOMBRO RISPETTO ALLA STRADA. INDICARE SEMPRE TUTTE LE MISURE (sia dell'occupazione, sia della strada: deve essere chiaramente rilevabile dagli uffici lo spazio disponibile per la circolazione dei mezzi e/o dei pedoni durante l'occupazione).

Il modulo compilato va inviato via PEC all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  allegando copia del documento di identità del richiedente.

In alternativa il modulo può essere presentato in doppia copia all'Ufficio Protocollo del Comune (piazza Betteloni, 3) che ne tratterrà una copia (per l'Ufficio Commercio) e rilascerà l'altra con timbro per il richiedente.  

Contatti
Ufficio Commercio - aperto al pubblico il lunedì, martedì e giovedì dalle 8:30 alle 12:30 presso il Municipio (piazza Betteloni 3 – Peschiera del Garda).
tel. 045 6444709 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC:  

Commercio: Imposta di soggiorno

Nel Comune di Peschiera del Garda è vigente l’imposta di soggiorno. Essa viene applicata a tutti coloro che soggiornano nel Comune di Peschiera del Garda presso attività ricettive, quali Campeggi, Alberghi, Bed & Breakfast, Locazioni turistiche, Affittacamere, e strutture similari.

> Scarica il Regolamento per l'applicazione dellì'imposta di soggiorno (2011 e successivi - aggiornato 2017)

IMPORTO

Le tariffe variano da un minimo di euro 1,00 fino ad euro 2,20 per ogni persona e per ogni pernottamento, a seconda della tipologia dell’esercizio ricettivo.

> Tariffe imposta di soggiorno   /  > Kurtaxe  (deutsch)  /  > City tax  (english)

 

COME SI APPLICA
L’imposta di soggiorno è applicata a tutti gli adulti (dai 13 anni compiuti)  per ogni pernottamento fino a un massino di 21 pernottamenti consecutivi nella struttura. Sono esenti dal pagamento i bambini fino ai 12 anni compresi, accompagnatori di persone ricoverate presso strutture sanitarie site nel Comune di Peschiera, portatori di handicap, autisti di pullman in viaggi organizzati, appartenenti alle forze dell'ordine per esigenze di servizio. Le esenzioni sono accompagnate da apposita documentazione e/o autocertificazione.

PER GLI OPERATORI

PORTALE PAYTOURIST (per resentare le dichiarazioni mensili, effettuare i pagamenti al Comune, presentare il modello 21) 

peschieradelgarda.paytourist.com

>> News attivazione portale PayTourist

>> ASSISTENZA per il portale PayTourist

Contatti
Per informazioni Ufficio Commercio - aperto al pubblico il lunedì, martedì e giovedì dalle 8:30 alle 12:30 presso il Municipio (piazza Betteloni 3 – Peschiera del Garda).
tel. 045 6444709 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commercio: Locazioni turistiche

Le locazioni turistiche sono appartamenti e case offerti in locazione, in tutto o in parte, ai turisti, senza la fornitura di servizi (ad es. trasporto, colazione, pulizie giornaliere, ecc.) durante il soggiorno. 
Non vi sono attualmente limiti al numero di alloggi da adibire a locazione turistica.

FAQ locazioni turistiche - portale Regione Veneto

APRIRE UNA LOCAZIONE TURISTICA
Per attivare una locazione turistica  è obbligatorio registrare la struttura ricettiva nell’Anagrafe regionale delle strutture ricettive con le seguenti modalità:
SOGGETTI IMPRENDITORIALI - procedura SUAP del portale www.impresainungiorno.gov.it 
PERSONE FISICHE - compilazione on line del modulo disponibile nel portale dedicato della Regione Veneto (valido da NOVEMBRE 2019)

Per CHIUDERE O MODIFICARE una locazione turistica esistente
Seguire le indicazioni riportate nel portale dedicato della Regione Veneto 

Successivamente il Comune di Peschiera provvederà a fornire le indicazioni per provvedere all'adempimento della riscossione dell'imposta di soggiorno.
Tra gli adempimenti a carico del Locatore turistico c'è anche la comunicazione alla Questura delle generalità delle persone alloggiate entro le 24 ore successive
all’arrivo, secondo modalità da verificare direttamente con la Questura.

 NOVITA' - CODICE IDENTIFICATIVO degli alloggi in locazione turistica 

I locatori turistici dovranno esporre un Codice identificativo dell’alloggio in locazione turistica, con le modalità e i tempi indicati nel Regolamento regionale di attuazione dell’articolo 27 bis della legge regionale n. 11 del 2013, pubblicato nel BUR il 20/09/2019

QUANDO ESPORRE IL CODICE. I termini per l'esposizione del codice sia per le locazioni già registrate in anagrafe regionale sia per le nuove comunicazioni sono definiti secondo quanto disposto nell'allegato A al DDR n. 239/2019 procedura locazioni e riportati sinteticamente nelle FAQ Codice Locazioni Turistiche.

DOVE TROVARE IL CODICE ALLOGGIO - il codice è visibile direttamente al locatore accedendo alla procedura di rilevazione statistica: consultare la sezione Anagrafica alloggi.

> Per saperne di più: 

Le locazioni turistiche nel portale della Regione Veneto 

 

Per saperne di più: 

> Portale locazioni turistiche Regione Veneto
FAQ locazioni turistiche - portale Regione Veneto


Contatti
Ufficio Commercio - aperto al pubblico il lunedì, martedì e giovedì dalle 8:30 alle 12:30 presso il Municipio (piazza Betteloni 3 – Peschiera del Garda).
tel. 045 6444709 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Archivio Storico Comunale

L’Archivio Storico Comunale di Peschiera del Garda – Parte Antica (1372 – 1897) si trova nella Caserma di Artiglieria di Porta Verona, adiacente alla Biblioteca Comunale.

L’inventario dell’Archivio Storico Comunale Parte Antica è stato raccolto in una banca dati su Cd Rom nella quale sono descritte 120 pergamene, 409 buste e 51 registri, a coprire un arco cronologico che va dal 1372 al 1897. Il lavoro di riordino e inventariazione ha apportato un livello di descrizione analitico di ogni singola busta, tale da illustrare esaurientemente il contenuto di ogni fascicolo, con particolare attenzione alla rilevazione delle note e delle classificazioni originarie.

Il lavoro è stato voluto e finanziato dall’Amministrazione Comunale di Peschiera d/G., con il contributo economico della Regione Veneto, basandosi sulle competenze archivistiche della Cooperativa Charta di Mantova, sotto la supervisione della Soprintendenza Archivistica del Veneto.

E’ possibile la consultazione dei documenti sulla base delle Modalità di consultazione (approvata con Del. G.M. n. 99 del 10.04.2008) che prevedono la compilazione di uno specifico modulo di richiesta, debitamente compilato, da inviare all’Ufficio Protocollo Comunale (fax 0457552901), a seguito del quale verrà fissato un appuntamento da parte del responsabile della Biblioteca Comunale, che cura il servizio di consultazione dell’Archivio Storico.

Biblioteca Comunale: tel.0456400153 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Modulo di richiesta di consultazione

Modalità di consultazione

Unioni civili

La legge 20 maggio 2016, n. 76, entrata in vigore il 5 giugno, istituisce l'unione civile tra due persone maggiorenni dello stesso sesso, che la costituiscono mediante dichiarazione di fronte all'ufficiale di stato civile, alla presenza di due testimoni.
L'atto viene registrato nell'archivio di stato civile.
L'unione è certificata dal documento attestante la costituzione dell'unione, che deve contenere i dati anagrafici delle parti, l'indicazione del loro regime patrimoniale e della loro residenza, oltre ai dati anagrafici e alla residenza dei testimoni.
Mediante dichiarazione all'ufficiale di stato civile le parti possono stabilire di assumere, per la durata dell'unione civile tra persone dello stesso sesso, un cognome comune scegliendolo tra i loro cognomi. La parte può anteporre o posporre al cognome comune il proprio cognome, se diverso, facendone dichiarazione all'ufficiale di stato civile.
Le parti acquistano gli stessi diritti e assumono gli stessi doveri. Dall'unione civile deriva l'obbligo all'assistenza morale e materiale e alla coabitazione.
Il regime patrimoniale, in mancanza di diversa convenzione patrimoniale, è costituito dalla comunione dei beni. Le disposizioni che si riferiscono al matrimonio o ai coniugi si applicano anche alle parti dell'unione civile.
L'unione civile si scioglie per:
- volontà di scioglimento manifestata anche disgiuntamente dalle parti, davanti all'ufficiale di stato civile
- morte o dichiarazione di morte presunta di una delle parti
Se vi sono cause impeditive, quali la sussistenza di un vincolo matrimoniale o di un'unione civile, l'unione è nulla. L'unione civile può essere impugnata da ciascuna delle parti, dagli ascendenti prossimi, dal pubblico ministero e da tutti coloro che abbiano per impugnarla un interesse legittimo e attuale.
Per il testo della legge e dei decreti attuativi e per approfondimenti, si rinvia al sito del Governo Italiano - Presidenza del Consiglio dei Ministri

Su appuntamento, telefonando al n. 045-6444706-707

La cerimonia di costituzione dell'unione civile può essere svolta nelle sale  adibite e autorizzate anche per i matrimoni civili , con le stesse tariffe:

SALA CIVICA

SALA PALAZZO COMUNALE

PRESENTARSI PERSONALMENTE C/O UFFICIO STATO CIVILE